eKomi   5/5.00
>2500 clienti felici
Spedizione gratuita
100% formati liberi
Stampa personalizzata

Riciclaggio: il rapporto di sostenibilità dell'Associazione industriale per l'imballaggio in plastica

IL RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2021

L'Associazione dell'industria dell'imballaggio in plastica (Industrievereinigung Kunststoffverpackungen e.V. - IK) ha pubblicato il suo quinto rapporto sulla sostenibilità, fornendo informazioni sulle sfide attuali, i progressi e gli obiettivi nel green dell'industria.

Come nei rapporti precedenti, l'attenzione guarda sui seguenti cinque aspetti della sostenibilità:
 
  • Protezione del prodotto
  • Protezione del clima e delle risorse
  • Protezione degli oceani
  • Protezione del consumatore
  • Protezione della competitività
     
Tuttavia, l'attenzione si concentra in particolare sull'area della protezione del clima e della conservazione delle risorse. . Nel 2018, sono stati fissati obiettivi concreti per questo settore, che devono essere raggiunti entro il 2025 - questi vengono ora rivisti per la prima volta in una valutazione intermedia per quanto riguarda il loro progresso.


 
GLI OBIETTIVI NELLA PROTEZIONE DEL CLIMA E DELLE RISORSE

I politici si sono posti l'obiettivo di allontanarsi dai combustibili fossili entro il 2045. Questo significa anche che in futuro la plastica dovrà essere prodotta da materie prime rinnovabili, perciò, l'IK si è anche posto degli obiettivi concreti e ambiziosi:
1. Migliorare la riciclabilità: entro il 2025, il 90% di tutti gli imballaggi domestici dovrebbe essere riciclabile o riutilizzabile.

2. Più riciclati nella produzione: sempre entro il 2025, la quantità di materiale riciclato utilizzato nella produzione di imballaggi in plastica deve aumentare a 1 milione di tonnellate.

3. Riciclaggio di alluminio e pellicole: già entro la fine del 2022, almeno 34.000 tonnellate di alluminio e pellicole (da uso agricolo) devono essere immesse annualmente nel riciclaggio meccanico.
 
 
PROGRESSO: CIRCOLARITÀ

Nel suo rapporto sulla sostenibilità, l'IK è prevalentemente ottimista sul fatto che i tre obiettivi climatici saranno effettivamente raggiunti. La quota di imballaggi domestici riciclabili o riutilizzabili, per esempio, è aumentata notevolmente negli ultimi anni.

I miglioramenti si vedono soprattutto nell'area degli imballaggi soggetti a partecipazione obbligatoria. Per esempio, nel settore delle pellicole multistrato, le strutture non riciclabili sono sempre più sostituite da alternative riciclabili. Anche l'uso di pigmenti a base di nerofumo sta diminuendo, il che è particolarmente vantaggioso per lo smistamento automatico dei materiali durante il riciclaggio.

Le sfide, tuttavia, rimangono l'imballaggio in vassoio in PET e l'imballaggio in EPS. L'IK vede come problematica anche la crescente popolarità degli imballaggi compositi a base di carta poiché sono meno riciclabili degli imballaggi in plastica pura.
 
PROGRESSO: LE MATERIE RICICLATE NELLA PRODUZIONE
 
Per quanto riguarda l'uso delle materie riciclate nella produzione di nuovi imballaggi di plastica, troviamo anche qui una crescita. L’aumento è registrato soprattutto nell'area dei riciclati post-consumo, nonostante il consumo di materiale vergine sia generalmente in calo.

Tuttavia, l'obiettivo è ancora molto lontano. Finora, nemmeno la metà della quantità di materiale riciclato prevista viene utilizzata nella produzione di nuovi imballaggi. I maggiori ostacoli sono la mancanza di disponibilità di riciclati in qualità costante e gli ostacoli legali ((per esempio, per l'uso di riciclati negli imballaggi alimentari). Da un punto di vista tecnico, tuttavia, c'è ancora molto potenziale. Solo "moderate restrizioni per quanto riguarda le proprietà estetiche dell'imballaggio e l'efficienza del materiale dovrebbero essere accettate".

PROGRESSO: ALLUMINIO E PELLICOLA

Nel 2013, l'Industrievereinigung Kunststoffverpackungen ha lanciato l'iniziativa ERDE per riciclare alluminio e pellicola da uso agricolo in plastica. Secondo il rapporto di sostenibilità 2021, l'obiettivo di raccogliere almeno 34 chilotonnellate di pellicola all'anno entro la fine del 2022 è a portata di mano. Questo perché circa 26,5 chilotonnellate sono già state raccolte nel 2020 e immesse nell'economia circolare (questo corrisponde a poco più della metà del volume totale del mercato).
 
 

CONCLUSIONE: MIGLIORAMENTO, MA CON LACUNE

A detta di tutti, l'industria degli imballaggi in plastica si sta muovendo verso il raggiungimento di due dei suoi tre obiettivi climatici autoimposti. Allo stesso tempo, però, il rapporto mostra anche le debolezze dell'economia circolare della plastica:

Secondo il rapporto, la "riciclabilità" degli imballaggi di plastica è superiore all'80%. Tuttavia, solo una frazione di essa viene effettivamente ritrattata in nuovi imballaggi di plastica dopo l'uso. Questo perché solo un decimo (0,47 milioni di tonnellate) della materia prima richiesta per la produzione di imballaggi in plastica (4,5 milioni di tonnellate) proviene dai riciclati.

In termini di riciclaggio, gli imballaggi in plastica sono quindi ben lungi dal poter tenere il passo con le loro controparti di carta. Questo perché gli imballaggi come le scatole consistono fino al 100 per cento di carta da macero.
pack-on GmbH Bewertungen mit ekomi.de
5/5