eKomi   5/5.00
>2500 clienti felici
Spedizione gratuita
100% formati liberi
Stampa personalizzata

DIN SPEC 91446: il nuovo standard per la plastica riciclata

Più qualità, migliore riciclaggio, meno rifiuti

PERCHÉ SONO NECESSARI NUOVI STANDARD

La domanda di plastica è ancora alta; dopo tutto, può essere usata in ogni settore. Di conseguenza, le cifre sono alte anche quando si guarda alla produzione: l'industria della plastica ha lavorato più di 14 milioni di tonnellate nel 2019, di cui circa 12,3 milioni di tonnellate erano materie primarie, cioè materiali vergini che sono state prodotte specificamente per la trasformazione in imballaggi e prodotti simili.

La quota di riciclati, cioè di plastica ritrattata, invece, era ancora inferiore al 14% e ció é dovuto a diverse ragioni:
 
  • La produzione di riciclati di alta qualità che possono essere ulteriormente trasformati in prodotti di altrettanta qualità è relativamente costosa.
  • I riciclati costano quindi circa il 25% in più della plastica vergine. Il cosiddetto recupero energetico, cioè bruciare la plastica per generare energia, è quindi più economico. Più di 3 milioni di tonnellate di plastica (cioè il 53% di tutti i rifiuti plastici raccolti in Germania) sono stati così persi nei cicli di riciclaggio nel 2019.

Per aumentare in generale la quota di plastica riciclata, sono state ancorate a livello legislativo - sia a livello federale che nell'UE - quote più alte per il riciclaggio meccanico e per l'uso di riciclati nella produzione, ma per il momento, questo non cambia nulla sulla qualità spesso scarsa dei riciclati. Una nuova norma DIN dovrebbe ora garantire i miglioramenti necessari in questo settore.
 
 

FINALMENTE STANDARD UNIFORMI

Un vantaggio della plastica, che diventa però uno svantaggio nel riciclaggio, è la grande varietà di diversi tipi di polimeri. Per poterli separare per il ritrattamento, i dati nel processo di riciclaggio sono stati finora carenti. Questo si traduce in una qualità fluttuante del materiale: non è un buon presupposto per produrre prodotti di qualità uguale o addirittura superiore dai riciclati.

È qui che entra in gioco la nuova DIN SPEC 91446 sulla "Classificazione dei riciclati di plastica secondo i livelli di qualità dei dati per l'uso e il commercio (basato su internet)". Il lavoro sul nuovo standard è iniziato nell'estate 2020, ed è pronto per l'uso dal dicembre 2021. Un consorzio di un totale di 16 esperti dell'industria e della ricerca è stato coinvolto nello sviluppo dei regolamenti uniformi che, grazie alle rispettive competenze, coprono l'intero ciclo di valore aggiunto, dallo smistamento al commercio dei riciclati.

Ci sono buone ragioni per cui per il momento si sta sviluppando "solo" uno standard e nessuno standard è ancora nato:
 
  • In linea di principio, chiunque può avviare il processo di standardizzazione per un DIN SPEC.
  • Il DIN SPEC può teoricamente essere pubblicato senza bisogno di consenso. Tre parti partecipanti sono obbligatorie, ma queste non devono prendere in considerazione tutti i gruppi d'interesse. Questo accelera la procedura.
  • La pubblicazione è più veloce rispetto a una DIN NORM. In questo modo è possibile stabilire prima standard e regolamenti uniformi sul mercato.

    A parte questo, è ancora possibile convertire la DIN SPEC in una DIN NORM. Una domanda corrispondente è stata fatta per creare uno standard valido in tutta Europa sulla base della standardizzazione.

    Tuttavia, l'attuale DIN SPEC 91446 colma già nella sua forma attuale le precedenti lacune di standardizzazione. Finora esistevano standard fissi solo per le plastiche PE, PP, PS, PET e PVC; tuttavia questi sono specifici da un lato per il materiale ma dall’altro incompleti. Il DIN SPEC in questione è liberamente accessibile e può quindi essere utilizzato da piattaforme commerciali e da politici.
 


MAGGIORE SPECIFICITÀ DEI DATI, MIGLIORE IDENTIFICAZIONE, CICLI PIÙ EFFICIENTI

Con definizioni chiare e uniformi, la DIN SPEC 91446 vuole aiutare a semplificare la comunicazione tra gli attori lungo la catena del valore per poter costruire in futuro sulle stesse basi. I malintesi sulle classificazioni dei materiali o su certa terminologia sono così esclusi.

A tal fine, la norma contiene le seguenti regole:
 
  • Specifica la quantità e la qualità dei dati necessari per effettuare una classificazione dei materialiQuesto include anche un sistema con il quale i vari riciclati di plastica possono essere classificati in base alla profondità dei dati. Consiste in quattro diversi livelli di qualità dei dati per aiutare la classificazione.
  • Contiene anche definizioni per un'etichettatura chiara dei riciclati e del contenuto di riciclato nei materiali plastici.
  • Ci sono anchedefinizioni chiare per i termini per i quali mancano finora disposizioni uniformi o che sono usati in modi diversi. Questo riguarda i materiali in entrata, i processi di riciclaggio e i riciclati di plastica come materiali.

    Nel complesso, la DIN SPEC 91446 ha lo scopo di contribuire a migliorare il riciclaggio della plastica, con l'obiettivo di ottenere maggiori quantità di riciclati da materie prime secondarie e renderli disponibili per la produzione nell'alta qualità desiderata.


 
pack-on GmbH Bewertungen mit ekomi.de
5/5