eKomi   5/5.00
>2500 clienti felici
Spedizione gratuita
100% formati liberi
Stampa personalizzata

Quale imballaggio di plastica è più sostenibile?

Quale imballaggio di plastica è più sostenibile?

L’IMBALLAGGIO SOSTENIBILE DI PLASTICA

Gli imballaggi in plastica sono sempre sotto i riflettori nel dibattito sulla sostenibilità, anche perché ci sono buoni argomenti sia a favore che contro il loro utilizzo.

Una cosa è certa: l’idea di eliminare completamente la plastica come materiale da imballaggio nel futuro piú prossimo non sembra molto realistica. Molti esperti sottolineano che questo non è nemmeno necessario. Ciò che è necessario è un uso più consapevole del materiale.

È certamente possibile - e in alcuni casi ha anche senso - usare la plastica per ragioni di sostenibilità, quando ad esempio i materiali a base di carta come il cartone e il cartone ondulato non possono garantire una protezione sufficiente delle merci.

Tuttavia, c'è spesso incertezza su quali imballaggi di plastica possono essere usati in modo sostenibile. Dopo tutto, non c'è solo una scelta tra materiali mono e compositi, ma anche tra plastiche riciclabili, bio-based e compostabili.
 

IMBALLAGGIO IN PLASTICA COMPOSITA

I materiali compositi sono sempre composti da almeno due materiali; può trattarsi di due plastiche diverse (per esempio PE e PET) o di un composito di plastica e carta.

Il vantaggio principale dell'imballaggio composito è che combina le proprietà di diversi materiali. Le prestazioni di barriera di una confezione (contro ossigeno, umidità,...) possono essere ottimizzate molto facilmente e in modo specifico utilizzando materiali compositi.

Proteggere le merci aiuta sempre a proteggere l'ambiente, soprattutto nel caso di prodotti sensibili e rapidamente deperibili come i prodotti alimentari. I compositi peró, non sono l'opzione più favorevole dal punto di vista ecologico, il che è dovuto principalmente alla loro limitata riciclabilità:
 
  • I compositi formati da diverse materie plastiche sono difficili da separare nei loro singoli componenti. Ecco perché non finiscono nel bidone giallo ma nell'indifferenziata, che di solito sono seguiti dall'incenerimento.
  • I compositi carta-plastica causano anche difficoltà nel processo di riciclaggio. Anche se possono essere separati con uno sforzo maggiore, solo la carta può essere riciclata.
 

IMBALLAGGI IN MONOPLASTICA

Gli imballaggi in mono-plastica sono mono-varietà. Secondo la legislazione tedesca, devono consistere almeno del 95% di un solo materiale. Gli imballaggi monoplastici hanno il vantaggio, rispetto agli imballaggi compositi, di poter essere riciclati facilmente e in modo molto efficiente dal punto di vista energetico.

Grazie alla loro riciclabilità, i monoplastici hanno un ecobilancio significativamente migliore dei compositi plastici. Secondo uno studio del Fraunhofer Institute, l'uso di plastiche riciclate (rispetto all'uso di nuove plastiche primarie) fa risparmiare più del 50% di emissioni di gas serra.

Tra le monoplastiche che possono essere riciclate molto bene ci sono il PE e il PET. Esempi del loro uso come materiali da imballaggio sono le bottiglie per bevande e gli imballaggi a sacchetto. A proposito, puoi trovare questi ultimi anche nella nostra gamma: buste piatte e Doypacks in PE/EVOH/PE.
 
 

IMBALLAGGI IN PLASTICA A BASE BIOLOGICA

Le plastiche che sono prodotte in parte o in gran parte da biomassa vegetale, come mais, patate o canna da zucchero, sono spesso promosse come un'alternativa ecologica alla plastica convenzionale.

Tuttavia, questo da solo non rende la "bio-plastica" più sostenibile. Un rapporto della Deutsche Umwelthilfe (aiuto ambientale tedesco), per esempio, sottolinea che le valutazioni del ciclo di vita delle plastiche a base biologica "non mostrano alcun vantaggio ambientale generale" - e cita diverse ragioni per questo:
 
  • elevato consumo di combustibili fossili nella coltivazione e nella lavorazione delle piante di materie prime
  • spesso consistono solo in parte di materia vegetale
  • perdita di biodiversità attraverso la conversione del suolo
  • forte pressione sull'ambiente naturale a causa dell'eccessiva fertilizzazione e dell'acidificazione dei suoli e delle acque
  • gli impianti di selezione non sono progettati per le plastiche a base biologica
 

PLASTICA BIODEGRADABILE

Gli imballaggi in plastica sono considerati biodegradabili se, in determinate condizioni, possono essere decomposti da microrganismi e funghi, ovvero compostati (il 90% di essi si scompone in pezzi non più grandi di due millimetri entro 12 giorni). Ma il compostaggio ha anche degli svantaggi:
 
  • A differenza del riciclaggio, il compostaggio perde l'energia usata nella produzione e l'energia legata al materiale.
  • Non viene creato alcun componente prezioso del suolo, poiché avviene solo la decomposizione in CO2 e acqua.
  • La degradazione è possibile solo a una certa temperatura, umidità e disponibilità di ossigeno.
  • Nel caso delle plastiche biodegradabili, il tempo di decomposizione è significativamente più lungo rispetto ai rifiuti biologici convenzionali.
  • Nessun guadagno significativo di biogas è possibile negli impianti di digestione anaerobica. E non si guadagna energia attraverso il compostaggio - come negli impianti di incenerimento dei rifiuti.

 
pack-on GmbH Bewertungen mit ekomi.de
5/5